Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7575 - Abisso Firn

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Firn
Nome principale sloveno
Numero catasto 7575
Numero catasto storico 4582FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 11-08-2011
Scopritore Potleca - Michele
Gruppo scopritore GC - Grotta Continua
Data scoperta 11-08-2011
Scopritore Colucci - Renato R.
Gruppo scopritore U. M. FVG - Unione Meteorologica del Friuli Venezia Giulia

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050023 - Monte Canin
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5135801,0
Longitudine Gauss-Boaga 2400840,0
Latitudine WGS-84 46° 21' 54,2717" (46,36507547)
Longitudine WGS-84 13° 27' 2,9581" (13,45082169)
Latitudine UTM WGS-84 5135777,3
Longitudine UTM WGS-84 380835,6
Quota ingresso 2209
Data esecuzione posizione 04-12-2011
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 4 x 0,80
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 495
Autore posizione Potleca Michele
Gruppo appartenenza GC - Grotta Continua
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 290
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 660
Dislivello totale 660
Quota fondo 1549
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Prosecuzioni certe (accessibili)
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'abisso si apre lungo una spaccatura sinora celata dal ghiacciaio orientale del Canin, tra la sella Ursich e l'omonima vetta. A metà agosto si presentava ancora come un canale di neve e roccia, mentre ad inizi settembre lo scioglimento mostra direttamente l'accesso tra il deposito morenico.
Descrizione dei vani interni della cavità L'abisso si apre nel ghiacciaio sottostante la vetta del monte Ursich nel versante italiano; il pozzo si apre modesto su una spaccatura di circa un metro per quattro parzialmente riempita da massi. Dopo pochi metri le dimensioni aumentano fino a una decina di metri, a meno 60 si incontra un terrazzino formato da enormi massi di crollo. La grotta prosegue con carattere verticale lungo una cascata d'acqua che si smorza 90 metri sotto su un terrazzino anch'esso formato dal crollo di massi; le dimensioni del pozzo qui si attestano sugli 8 metri di diametro. La prosecuzione verticale del pozzo non è stata affrontata per ragioni di sicurezza, essendo anche il punto di convoglio delle acque della cascata; l'ampiezza notevole del pozzo(quasi 35 metri per 8 di larghezza) permette altresì di esplorare zone meno rischiose. Con un pendolo laterale a meno 250 circa si affronta il pozzo parallelo a quello principale che continua magnificamente verticale fino a meno 495. A circa meno 325 un terrazzino di grandi dimensioni fa da ingresso a tre pozzi pressappoco paralleli dei quali è stato sceso quello meno interessato da percolamento di acqua, un fusoide levigato con sezione di 10 metri per 15.
A meno 450 le dimensioni del pozzo aumentano significativamente fino ai 40 e più metri di ampiezza, andando ad includere un arrivo di pozzo, presumibilmente quello già incontrato a meno 325. Giunti alla frana di meno 495 che chiude la sequenza verticale della grotta (Pozzo Fabio Scabar).
Il pozzo prosegue oltre due brevi strettoie tra massi sempre ricco di acqua. A meno 630 si trova un arrivo da cui poi si parte un meandro sfondato che dà su una sala da cui partono sia il meandro attivo che quello fossile, entrambi praticabili solo per i primi metri. Risalendo a meno 600 è stato possibile pendolare sino a raggiungere nuovamente la parete controlaterale del pozzo da cui si scende e incontrare la finestra che dà sul bypass fossile e riconduce all'attivo abbandonato nel meandro a causa delle esigue dimensioni del passaggio.
Rilievo Pianta - Effettuato in data: 30-09-2011
Foto
Data dello scatto: 11-09-2011

Tipo inquadratura: Interno

Autore foto: Sulich Antonio

Gruppo di appartenenza: GC - Grotta Continua

Descrizione inquadratura: sul terrazzo a -300
Data dello scatto: 18-09-2011

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Potleca Michele

Gruppo di appartenenza: GC - Grotta Continua

Descrizione inquadratura: Ingresso
Data dello scatto: 11-09-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con sigla

Autore foto: Rucavina Paolo

Gruppo di appartenenza: GC - Grotta Continua